Psicologa per il benessere della famiglia e supervisore psico-pedagogico

Prendi un appuntamento

Prenota

Maria Rosa Ranieli

Psicologa per il benessere della famiglia

Baci e abbracci: perché non bisogna imporre le “buone maniere” ai bambini.

da | Lug 21, 2020 | Relazioni

In questo articolo parleremo di cosa avviene quando ai bambini vengone imposte le “buone maniere”, forzandoli a dispensare baci e abbracci a parenti e conoscenti.

“Vai ad abbracciare la nonna!”

“Dai un bacio a zio!”.

Quante volte abbiamo pronunciato queste frasi ai nostri figli? Sembra quasi che un velato o manifesto rifiuto del bambino, ci faccia sentire un cattivo genitore, che non è riuscito a insegnare le buone maniere ai propri figli e il rispetto dell’adulto.

Rilassatevi! Non è così!!!

Anzi, è importante insegnare ai propri figli il contrario!

Perché è importante “non spingere” i propri figli a baciare/abbracciare e farsi baciare/abbracciare da qualcuno (parenti, amici, coetanei)?

  • Imparano a conoscere il proprio confine corporeo e di conseguenza a rispettarlo e farlo rispettare dagli altri: se sentono che possono decidere se abbracciare e baciare chi vogliono, sperimentano la consapevolezza che sono loro a controllare il proprio corpo e possono loro stessi “disegnare” i confini entro i quali si sentono a loro agio; oggi con i parenti, domani con il gruppo dei pari e con gli sconosciuti.
  • Imparano che nessun adulto può toccarli senza il loro consenso. (“Ti posso abbracciare?” “No.” “Va bene”): per valutare il potente effetto positivo di questa regola, proviamo a traslarla sugli adulti che il bambino non conosce…che effetto si avrà?
Baci e abbracci: perché non imporre le "buone maniere" ai bambini.
  • Imparano che nessuno ha diritti speciali, compresi i parenti: senza creare eccessivi allarmismi, ma senza nemmeno creare falsi miti, i fatti di cronaca parlano chiaro. La percentuale maggiore di abusi avvengono all’interno delle mura domestiche. Non possiamo pensare di tenere nostro/a figlio/a sotto una campana di vetro e tantomeno pensare di poter controllare tutto ciò che succede intorno a lui/lei.
  • Imparano ad avere fiducia in se stessi: non possiamo pensare che il nostro compito, come genitori, è quello di sostituirci a lui/lei nelle loro azioni, nei loro pensieri e nei loro sentimenti. Possiamo solo offrire loro gli strumenti necessari per vivere consapevolmente chi sono e ciò che desiderano.

Cosa ne pensate?

Vi è mai capitato di sentirvi un cattivo genitore per un “rifiuto” di vostro figlio?

Ti sei mai sentita giudicata per non aver insegnato le “buone maniere” a tuo figlio?

Ti offro una chiamata gratuita, per conoscerci e capire se il percorso “Bambini Sicuri Adulti Liberi” è la strada giusta per te. 

Per prenotare la tua chiamata CLICCA AL LINK di seguito: 

Per approfondire l’argomento CLICCA AL LINK di seguito e buon ascolto:

Sono Maria Rosa Ranieli, psicologa clinica iscritta alla Sezione A dell’Albo Professionale degli Psicologi del Lazio dal 2013 con numero 19830.
Mi occupo principalmente di Psicologia dello sviluppo e dell’Educazione e sono esperta nel sostegno alla genitorialità.
Credo fortemente che per diventare genitori efficaci sia fondamentale valorizzare le risorse delle persone piuttosto che lavorare sui punti di debolezza.
E se, come diceva Dietrich Bonhoeffer: “Il senso morale di una società si misura su ciò che fa per i suoi bambini”, la mia mission è quella di aiutare e sostenere i genitori a costruire una società pensata per i bambini.

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

LA RABBIA DEI BAMBINI: 3 PRATICI CONSIGLI PER GESTIRLA

Quali sono gli errori che più frequentemente commettiamo noi adulti, quando dobbiamo gestire la rabbia dei bambini? E cosa dobbiamo fare per non commettere più questi errori? In questo articolo ti spiegherò come gestire la rabbia dei bambini, un’emozione legittima da...

Bambini e tempo: la storia di Simona.

Ho conosciuto Simona quando è iscritta al mini percorso  “SFIDA DEI 3 GIORNI PER MAMME MIGLIORI: COSA INIZIARE A FARE QUANDO TUO FIGLIO INIZIA AD ARRABBIARSI E TI SEMBRA CHE POSSA ESPLODERE DA UN MOMENTO ALL’ALTRO”. Oggi vi parlerò della sua esperienza e di come è...

“Martina: sono la mamma che ho sempre sognato di essere…”

Oggi vi parlerò di Martina, una donna e una mamma che ama mettersi in discussione, molto curiosa e desiderosa di formarsi e informarsi. Eppure sentiva che le mancava qualcosa. Cosa cercava Martina prima di contattarmi? Martina mi ha contattata su suggerimento di una...

Genitori e figli: come ascoltare se stessi, per ascoltare in maniera efficace i propri figli.

In questo articolo, ripercorrendo la relazione genitori e figli di una mia paziente, vi parlerò di Sarah e di come ha imparato, attraverso l’ascolto dei bisogni di sua figlia, ad ascoltare la bambina che è in lei. Cosa cercava inizialmente Sarah? Sarah cercava degli...

Cosa fare quando gli altri non si comportano come tu vorresti!

Oggi voglio parlarvi di cosa fare quando sentiamo che i nostri bisogni non sono ascoltati e di quella sensazione spiacevole che si prova quando arrivi a casa dopo una giornata di lavoro e vorresti essere accolta, da tuo marito o...

Cosa NON devi fare quando diventi mamma

Quando diventi mamma, non devi dimenticare che la sfera personale e quella genitoriale sono interconnesse tra di loro. Solo attraverso la consapevolezza di questo legame, riuscirai a non perdere la tua identità, non permettendo...

Capricci e Bambini: come capire i bisogni di tuo figlio.

Capricci e bambini: cosa puoi fare quando tuo figlio si arrabbia e la proposta di fare la lotta dei cuscini o saltare sul posto non funziona?  Cosa puoi fare se tuo figlio si rifiuta di provare o addirittura si arrabbia...

Capricci e Bambini: Come calmare il rettile che è in tuo figlio!

Esiste una strategia per calmare il rettile che è in tuo figlio, gestendo serenamente quelli che vengono comunemente chiamati “capricci dei bambini”? “ Ti sei trovata in difficoltà quando hai dovuto dire NO a tuo figlio?” “ Tuo figlio si è arrabbiato e ha iniziato a...

Come educare i bambini alla grinta (Parte seconda)

Nel precedente articolo, abbiamo visto la grinta e il “talento naturale” dipendano dall’impegno, da ore di allenamento, studio, passione e perseveranza. K. Anders Ericsson, a proposito del binomio talento/impegno, parla della “Regola delle 10.000 ore”, secondo la...

La grinta: caratteristica innata o processo educativo? (Parte prima)

Quali sono gli ingredienti della grinta? È una competenza innata o si può “imparare” a essere grintosi? Come possiamo educare alla grinta? Quante volte vi sarà capitato di dire, o sentir dire: “Quello è proprio un genio!”, o al contrario: “Guarda che non sei un...

Contattami