Psicologa per il benessere della famiglia e supervisore psico-pedagogico

Prendi un appuntamento

Prenota

Maria Rosa Ranieli

Psicologa per il benessere della famiglia

La grinta: caratteristica innata o processo educativo? (Parte prima)

da | Lug 21, 2020 | Emozioni, Relazioni

Quali sono gli ingredienti della grinta? È una competenza innata o si può “imparare” a essere grintosi? Come possiamo educare alla grinta?

Quante volte vi sarà capitato di dire, o sentir dire: “Quello è proprio un genio!”, o al contrario: “Guarda che non sei un genio!”.

Che tipo di credenza c’è alla base di tali affermazioni?

Per rispondere a queste domane dobbiamo necessariamente fare riferimento al “talento”, definita come “dote, propensione a qualcosa, capacità in un’attività, in un settore…” e quando si parla di talento automaticamente il pensiero va al successo.

Che cos’è il successo?

Chi sono le persone di successo?

Quali sono le loro caratteristiche?

Siamo sempre più esposti a programmi televisivi che mettono in luce persone di talento, basti pensare ai “talent show” come X Factor e America/Italia’s Got Talent.

Che male c’è a chiamare “talent show” un programma che in effetti mette in mostra persone di talento?

Se l’è chiesto anche Angela Duckworth (autrice del libro “Grinta: il potere della passione e della perseveranza”) e a suo avviso, la ragione principale di preoccupazione è semplice: “Concentrando i riflettori sul talento, si rischia di lasciare in ombra tutto il resto.
Senza volere – dice – comunichiamo il messaggio che altri fattori – compresa la grinta – non abbiano poi tanta importanza”.

Perché permane la tendenza inconscia a privilegiare il talento innato?

Per l’autrice sembrerebbe che quando non possiamo vedere facilmente in che modo l’esperienza e l’addestramento abbiano portato qualcuno a un livello di eccellenza chiaramente superiore alla norma, ci accontentiamo di etichettarlo come “talento naturale”.

Il sociologo Dan Chambliss fa notare, per esempio, che la biografia dei grandi nuotatori rivela moltissimi fattori che hanno contribuito al loro successo.
Quasi tutti hanno genitori interessati allo sport e abbastanza facoltosi da pagare i corsi di nuoto e le trasferte per le gare; senza contare l’accesso a una piscina e le migliaia di ore di allenamento nel corso degli anni.

È facile cadere nella trappola del talento innato – spiega Dan – specie se l’unico contatto che si ha con gli atleti è una volta ogni quattro anni, guardando le Olimpiadi alla televisione”.

<Nessuno può vedere nell’opera dell’artista il suo divenire” scriveva Nietzsche. “La nostra vanità, il nostro amor proprio alimenta il culto del genio. Poiché se pensiamo il genio come qualcosa di magico, non siamo costretti a confrontarci e ammettere la nostra insufficienza […] Chiamare “divino” qualcuno equivale a dire “Non c’è da mettersi in gara”>.

In cosa consiste allora la grandezza?

Le grandi cose – dice Dan Chambliss – sono realizzate da <persone il cui pensiero è attivo in un’unica direzione, che impiegano qualunque cosa come materiale, che osservano sempre con grande zelo la vita interiore propria e altrui, che percepiscono ovunque modelli e incentivi>.

Che dire allora del talento?

L’illustre filosofo raccomandava di considerare i grandi esempi soprattutto come degli artigiani: <Non parlate di doni naturali, di talento innato! Si possono elencare grandi uomini di ogni genere che erano pochissimo dotati per natura. Hanno conquistato la grandezza, sono diventati dei “geni”, come li chiamiamo noi […]. Tutti loro possedevano la serietà del bravo lavoratore, che impara a costruire le parti come si deve, prima di avventurarsi a dare forma alla grande totalità>.

Allora, se il talento, la grandezza è in continua costruzione e la si può conquistare con l’impegno, la dedizione, la grinta, come possiamo noi genitori educare alla grinta?

Angela Duckworth afferma che il terreno fertile dal quale far fiorire tutto il potenziale dei nostri figli è costituito da uno stile genitoriale che vede genitori molto esigenti ma, nel contempo, disposti ad offrire tanto sostegno emotivo ai propri figli (genitori che l’autrice definisce saggi).

In altre parole, se i nostri genitori sono affettuosi, rispettosi ed esigenti, non solo seguiamo il loro esempio, ma lo ammiriamo. Non solo obbediamo alle loro richieste, ma comprendiamo perché ce le fanno e magari vogliamo seguire la stessa strada. È importante precisare che non tutti i figli di genitori psicologicamente saggi saranno necessariamente molto grintosi, perché non tutti quei genitori sono un modello di grinta: è possibile essere esigenti e affettuosi senza, tuttavia, manifestare passione e perseveranza (ovvero grinta) in vista di scopi lontani.

Pertanto, se volete stimolare la grinta nei vostri figli, chiedetevi anzitutto:

“Quanta passione e perseveranza ho per i miei fini personali?” 

“Il mio stile educativo incoraggia i miei figli a emularmi?”

Se le risposte a entrambe le domande sono positive, vuol dire che li state già educando alla grinta, in caso contrario, mettetevi in discussione, andate alla ricerca del perché avete smesso di appassionarvi e di essere pervicaci nei confronti dei vostri obiettivi e, se vi va, condividete le vostre riflessioni, le vostre domande cosicché possiamo insieme crescere e migliorarci.

Non perdete la seconda parte dell’articolo: Come educare i bambini alla grinta.

Sono Maria Rosa Ranieli, psicologa clinica iscritta alla Sezione A dell’Albo Professionale degli Psicologi del Lazio dal 2013 con numero 19830.
Mi occupo principalmente di Psicologia dello sviluppo e dell’Educazione e sono esperta nel sostegno alla genitorialità.
Credo fortemente che per diventare genitori efficaci sia fondamentale valorizzare le risorse delle persone piuttosto che lavorare sui punti di debolezza.
E se, come diceva Dietrich Bonhoeffer: “Il senso morale di una società si misura su ciò che fa per i suoi bambini”, la mia mission è quella di aiutare e sostenere i genitori a costruire una società pensata per i bambini.

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

LA RABBIA DEI BAMBINI: 3 PRATICI CONSIGLI PER GESTIRLA

Quali sono gli errori che più frequentemente commettiamo noi adulti, quando dobbiamo gestire la rabbia dei bambini? E cosa dobbiamo fare per non commettere più questi errori? In questo articolo ti spiegherò come gestire la rabbia dei bambini, un’emozione legittima da...

Bambini e tempo: la storia di Simona.

Ho conosciuto Simona quando è iscritta al mini percorso  “SFIDA DEI 3 GIORNI PER MAMME MIGLIORI: COSA INIZIARE A FARE QUANDO TUO FIGLIO INIZIA AD ARRABBIARSI E TI SEMBRA CHE POSSA ESPLODERE DA UN MOMENTO ALL’ALTRO”. Oggi vi parlerò della sua esperienza e di come è...

“Martina: sono la mamma che ho sempre sognato di essere…”

Oggi vi parlerò di Martina, una donna e una mamma che ama mettersi in discussione, molto curiosa e desiderosa di formarsi e informarsi. Eppure sentiva che le mancava qualcosa. Cosa cercava Martina prima di contattarmi? Martina mi ha contattata su suggerimento di una...

Genitori e figli: come ascoltare se stessi, per ascoltare in maniera efficace i propri figli.

In questo articolo, ripercorrendo la relazione genitori e figli di una mia paziente, vi parlerò di Sarah e di come ha imparato, attraverso l’ascolto dei bisogni di sua figlia, ad ascoltare la bambina che è in lei. Cosa cercava inizialmente Sarah? Sarah cercava degli...

Cosa fare quando gli altri non si comportano come tu vorresti!

Oggi voglio parlarvi di cosa fare quando sentiamo che i nostri bisogni non sono ascoltati e di quella sensazione spiacevole che si prova quando arrivi a casa dopo una giornata di lavoro e vorresti essere accolta, da tuo marito o...

Cosa NON devi fare quando diventi mamma

Quando diventi mamma, non devi dimenticare che la sfera personale e quella genitoriale sono interconnesse tra di loro. Solo attraverso la consapevolezza di questo legame, riuscirai a non perdere la tua identità, non permettendo...

Capricci e Bambini: come capire i bisogni di tuo figlio.

Capricci e bambini: cosa puoi fare quando tuo figlio si arrabbia e la proposta di fare la lotta dei cuscini o saltare sul posto non funziona?  Cosa puoi fare se tuo figlio si rifiuta di provare o addirittura si arrabbia...

Capricci e Bambini: Come calmare il rettile che è in tuo figlio!

Esiste una strategia per calmare il rettile che è in tuo figlio, gestendo serenamente quelli che vengono comunemente chiamati “capricci dei bambini”? “ Ti sei trovata in difficoltà quando hai dovuto dire NO a tuo figlio?” “ Tuo figlio si è arrabbiato e ha iniziato a...

Come educare i bambini alla grinta (Parte seconda)

Nel precedente articolo, abbiamo visto la grinta e il “talento naturale” dipendano dall’impegno, da ore di allenamento, studio, passione e perseveranza. K. Anders Ericsson, a proposito del binomio talento/impegno, parla della “Regola delle 10.000 ore”, secondo la...

Come distinguere la fame fisica da quella “emotiva”

Cosa intendiamo per fame emotiva? Vi siete mai chiesti come mai durante l’inverno prendiamo peso? Potremmo rispondere: “In estate ci si muove di più” “Si mangiano cibi leggeri, meno grassi e calorici…” Questo è vero, ma è anche vero che durante l’estate non ci sono...

Contattami